art

L’arte è Made in Italy (anche in casa)

Il nostro Paese possiede gran parte del patrimonio artistico mondiale e vanta opere di epoche diverse, tutte collegate da eccellenza, innovazione e genialità, che hanno influenzato il resto del mondo. La grande popolarità dei movimenti artistici e delle opere della nostra storia le ha ancorate all’immaginario collettivo, portandole nelle nostre case anche come soluzioni per la decorazione e l’arredo. Due esempi: il Rinascimento e il Futurismo.

Il Rinascimento

Il Rinascimento è un periodo artistico che, a partire da Firenze, si affermò in tutta Europa per oltre duecento anni, tra il XIV e il XVI secolo. Il Rinascimento interessò diverse discipline e venne vissuto globalmente come un momento e un’occasione di grande cambiamento. Coinvolse e influenzò non soltanto il modo di vivere e interpretare l’arte, ma anche il modo di vivere e interpretare se stessi e l’uomo, arrivando a modificare notevolmente la mentalità dell’epoca.

 Michelangelo  - Cappella Sistina - Arte da parati di My CollectionMichelangelo Buonarroti

Uno dei simboli del Rinascimento italiano è senz’altro Michelangelo Buonarroti (1475-1564), scultore, pittore, architetto e poeta. È considerato uno dei più grandi artisti di tutti i tempi; la sua vita fu irrequieta e appassionata e, tra i numerosissimi capolavori prodotti, spicca l’immensa opera della decorazione della Cappella Sistina.
La volta della Cappella Sistina fu commissionata da Papa Giulio II e fu realizzata da Michelangelo tra il 1508 e il 1512. L’opera contiene affreschi considerati capolavori assoluti dell’arte e venne conclusa da Michelangelo in tempi brevi e praticamente in solitaria: un’impresa sovrumana, anche considerando i 500 metriquadri di estensione della volta.

Il Futurismo

Il Futurismo è stato un movimento artistico e culturale nato in Italia agli inizi del XX secolo, che influenzò altri movimenti artistici in Europa e che riguardò varie discipline (scultura, pittura, architettura, letteratura, danza, fotografia), risultando un movimento globale.

Boccioni - Dinamismo di un ciclista - Arte da parati di My CollectionUmberto Boccioni

Esponente di rilievo del Futurismo fu senz’altro il pittore e scultore Umberto Boccioni (1882-1916), che ne fu anche teorizzatore: fu lui, infatti, insieme agli artisti Filippo Tommaso Marinetti, Carlo Carrà, Luigi Russolo, Giacomo Balla e Gino Severini, a scrivere nel 1909 il Manifesto futurista. Secondo i futuristi l’artista deve liberarsi dai modelli e dalle tradizioni figurative del passato, per rivolgersi al mondo contemporaneo, dinamico, vivace e in continua evoluzione.
Opera tipica, in questo senso, può essere considerata in Dinamismo di un ciclista, realizzata da Boccioni nel 1913 con l’intento, tutto futurista, di rappresentare sulla tela il movimento e l’energia del soggetto e, soprattutto, del tempo che l’artista stava vivendo.

Frida, ostinata passione

Si apre oggi 20 marzo alle Scuderie del Quirinale una mostra su Frida Kahlo, che ripercorre la vita artistica e biografica di una donna appassionata, energica, combattiva e magnificamente unica. La mostra riunisce e propone i capolavori assoluti di Frida, provenienti sia da raccolte pubbliche che da collezioni private in Messico, Europa e Stati Uniti.

Un’artista unica

Frida Kahlo, un'ostinata passione - MyCollectionArteL’allestimento, realizzato all’interno delle meravigliose Scuderie del Quirinale, propone al visitatore una vera e propria indagine su Frida Kahlo, evidenziandone il rapporto con i movimenti artistici della sua epoca, dal Modernismo messicano al Surrealismo internazionale, e fornendo un’analisi sull’influenza che questi movimenti hanno avuto sull’opera della pittrice messicana.

Al di là delle influenze e delle giuste contestualizzazioni, quella di Frida Kahlo è un’arte unica nel suo genere: lo spirito combattivo e ribelle e il temperamento passionale la spinsero ad interiorizzare gli elementi arcaici e profondi del suo popolo, riscontrabili nel recupero del passato indigeno e delle tradizioni folkloriche, che utilizzò come codice di riferimento per rappresentare sé stessa, il suo immaginario, la sua vita, la sua sofferenza e la sua cultura.

Una vita di passioni

Dal punto di vista biografico, l’evento più significativo della sua vita può essere considerato il grave incidente che ebbe nel 1925, al quale sopravvisse ma del quale portò i segni per tutta la sua esistenza: le numerose fratture la costrinsero all’immobilità per diversi periodi, e la condannarono a dolori che l’accompagnarono fino alla morte. Alla luce di tutto questo, un valore particolare è rappresentato dal letto a baldacchino, con specchio, nel quale passò la lunga convalescenza. La solitudine e l’immobilità la spinsero alla pittura; la sua immagine riflessa nello specchio, l’unico soggetto di cui potesse disporre, ispirò molto autoritratti, nei quali la solitudine e l’inquietudine della sua condizione risultano evidenti.

Nonostante venisse associata al movimento internazionale del surrealismo, l’arte di Frida era lontana dalla corrente surrealista: il ricorso all’immaginazione non può essere considerato come un’indagine del subconscio, ma come simbolismo necessario a raccontare e descrivere i drammi, le sofferenze e le passioni della sua esistenza.

«Pensavano che anche io fossi una surrealista, ma non lo sono mai stata. Ho sempre dipinto la mia realtà, non i miei sogni. » (Frida Kahlo)

A Frida vennero dedicate tre importanti esposizioni in tre diverse città, metropoli di tre mondi differenti: New York, nel 1938, Parigi, nel 1939, e Città del Messico nel1953, un anno prima della sua morte.

Per maggiori informazioni sulla mostra: Frida Kahlo alle Scuderie del Quirinale

Il Rinascimento di ritorno a Firenze

 

Il Museo Jacquemart-André ospita la più ricca collezione di Rinascimento Fiorentino in Francia dopo il Louvre. Questa incredibile collezione, selezionata e costruita tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, fu donata allo Stato con il vincolo di farne un museo pubblico accessibile a tutti dopo la morte di Nélie Jacquemart. La coppia parigina Jacquemart-André aveva aquistato centinaia di opere presso l’atelier dell’antiquario garibaldino Stefano Bardini.

Per la prima volta il nucleo principale di questa collezione torna a Firenze: dipinti di Mantegna, Botticelli, Paolo Uccello, Alesso Baldovinetti, sculture di Donatello e Giambologna, bronzetti, ceramiche e mobili saranno esposti a Villa Bardini, la dimora-atelier del mercante che per anni concluse affari con i due facoltosi collezionisti.

I visitatori possono ammirare la mostra fino al 31 dicembre e trovare le riproduzioni delle opere di questi incredibili artisti su MyCollectionArte.com.

Leonardo Da Vinci in mostra a Venezia

 

Venezia celebra il genio di Leonardo con una mostra imperdibile che riunisce i suoi studi più importanti. Dal 29 agosto fino al 1 dicembre 2013 le Gallerie Dell’Accademia ospiteranno la mostra chiamata “Leonardo Da Vinci: L’Uomo universale”

Un evento unico poichè per la prima volta dopo trent’anni avrete l’opportunità di ammirare i disegni Leonardo che, prima e dopo un’esposizione pubblica, devono rimanere conservati all’interno di appositi caveaux climatizzati per un lungo periodo.

I disegni di Leonardo del fondo veneziano, partendo dal 1478 al 1516, documentano tutto l’arco della produzione artistica e delle sue ricerche scientifiche, con studi di proporzione, natura, armi, guerre, ottica, architettura, fisica, meccanica e disegni preparatori per dipinti: la Natività, l’Ultima Cena, il Cristo portacroce e la Sant’Anna.

Diverse le sezioni compongono la mostra: una dedicata agli Studi di proporzioni, dove potrete ammirare l’Uomo Vitruviano, una alla Botanica, la terza dedicata alla Battaglia di Anghiari e l’ultima a Leonardo e la Francia.

Potrete così emmergervi nel pensiero artistico-scientifico di Leonardo… e per chi volesse una riproduzione artistica, MyCollectionArte presenta, oltre ai suoi più famosi studi,  una grande collezione delle sue opere più straordinarie come la Gioconda, L’ultima Cena, Autoritratto e la Vergine delle Rocce.

Antonello da Messina al Mart di Rovereto

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Dal 5 settembre 2013 al 12 gennaio 2014 un appuntamento da non perdere al Mart di Rovereto: i ritratti di Antonello da Messina e le opere di alcuni tra i più grandi esponenti a partire dal secolo scorso.

Grazie alla collaborazione dei musei della Regione Sicilia, della Galleria Borghese di Roma, dei Musei Civici di Venezia, della Fundaciòn Colecciòn Thyssen Bornemisza di Madrid, del Philadelphia Museum of Art e del Metropolitan Museum di New York si potrà ammirare, tra tante altre opere, il Ritratto d’uomo, il Salvator Mundi e la Madonna Benson.

Si tratta di un’occasione unica per osservare molte delle opere più belle del maestro, una riproposizione dei legami e delle differenze con i suoi contemporanei, proposti in parallelo ai ritratti più belli di Vito Acconci, Alberto Giacometti, Gerhard Richter, Lucien Freud, Francesca Woodman, Giulio Paolini, Thomas Ruff, Shizuka Yokomizo, Jeff Wall, Mark Lewis, Barbara Probst, Paolo Meoni, Margot Quan Knight, Douglas Gordon e Fiona Tan.

Due percorsi entro i quali il visitatore potrà cogliere il legame nascosto tra mondi così distanti nel tempo e nello stile.

Visita le opere di Antonello da Messina su MyCollectionArte.it.

Arte da parati: L’arte di decorare con l’arte

Questo slideshow richiede JavaScript.

Con l’idea giusta una stanza può completamente cambiare aspetto…

Una grande novità della decorazione murale è l’ARTE DA PARATI, ovvero, opere d’arte trasformate in carta da parati.

Proposte che lasciano spazio alla personalità di ognuno, che vogliono uscire dall’ordinario e rendere realtà un sogno, con la possibilità di ‘creare’ la propria carta da parati per arredare gli spazi.

Queste carte si addattano sia agli ambienti residenziali che a quelli contract.

L’arte da parati offre un’ampia varietà di scelte decorative, opere d’arte dalla mano dei migliori artisti in grandi dimensioni che stupiscono lasciando lo spettatore piacevolmente sorpreso.

E’ un prodotto che arreda in modo classico o moderno e si adatta ad ogni tipo di arredamento con il giusto calore e la perfetta simbiosi nel luogo in cui viviamo. Può essere estremamente evidente e di forte contrasto o in armonia ed elegante… ed è pur sempre arte.

Queste sono alcune delle caratteristiche della nuova collezione ARTE DA PARATI di MyCollection

Riproduzioni d’arte personalizzate… in un click!

Nasce MyCollectionarte.com, uno spazio dedicato esclusivamente all’arte, con un archivio di 90.000 opere riproducibili su tela canvas, plexiglass o carta fotografica. Puoi fare la ricerca per autore, nome dell’opera o movimento artisitico e, sopratutto, puoi scegliere le dimensioni del tuo quadro. Personalizzazione estrema, per decorare i tuoi ambienti o creare la tua galleria d’arte personalizzata. Troverai le opere più famose di autori come Vincent Van Gogh, Fra Beato Angelico, Michelangelo Merisi Da Caravaggio, Claude Monet, Edgar Degas, Gustav Klimt, Hieronymus Bosch, Leonardo Da Vinci, Paul Gauguin, Pierre Auguste Renoir, Raffaello Sanzio Da Urbino, Sandro Botticelli, Tiziano Vecelli Vecellio, Henri De Toulouse Lautrec, Umberto Boccioni, Michelangelo Buonarroti; e i movimenti artistici più conosciuti come Arte Giapponese, Arte Contemporanea, Arte Etnica, Arte Sacra, Arte Americana, Pre Raffaelliti, Impressionismo, Post Impressionismo, Arte Africana, Arte Astratta.

Vi aspettiamo su MyCollectionarte.com!